Dal Brasile all’Italia per amore

 Al supermercato faccio sempre begli incontri.

 

Avevo desiderio di recarmi proprio in quello già quando ero a casa. Avete presente quelle sensazioni che non sai motivare ma ti spingono a fare un qualcosa?! Ecco, probabilmente dovevo incontrare Rosemary.

Come ho detto a lei, questo nome mi ricorda le signore di fine Ottocento in quei paesi nelle praterie americane, con saloon e la chiesetta, punto di ritrovo dei concittadini.

Ma probabilmente questa è un’altra storia.

Ci siamo incrociate subito all’ingresso vicino al banco frigo dei formaggi in promozione: bitto, casera e un altro di cui non ricordo il nome e a fianco la scatola dei Pizzoccheri, uno dei miei piatti preferiti!

Con la coda dell’occhio la vedo voltarsi verso di me, con grembiule e cappellino bianco. Mi saluta, mi propone l’offerta in corso, la ascolto e da lì, ci troviamo a parlare della sua vita.

La cosa che mi colpisce subito di Rosemary  è la bellezza e la cura della sua persona: una donna di mezza età, capelli neri raccolti in una coda di cavallo, rossetto scuro, matita nera, loquace, con un portamento giovanile e spigliato.

Le chiedo di dove sia perché riconosco l’accento straniero ma non la provenienza: mi risponde di essere brasiliana ma di amare l’Italia fin da piccolissima.

Questa affermazione subito mi fa sentire onorata di essere italiana, ricordandomi che il mio paese è un paese che ancora si può amare!

Mi racconta di provenire da Recife, per gli amanti della geografia facile sapere che è conosciuta come la Venezia del Brasile.

“Quando ci si arriva con la nave sembra che nasca dall’acqua” (è sotto il livello del mare), “Anche se con la vera Venezia non ha nulla a che vedere”  mi dice Rosemary sorridendo!

E pensate che il suo amore per l’Italia nasce semplicemente sfogliando le pagine dei libri di scuola, quando la televisione non c’era e la lettura provocava sensazioni tali da immaginare profumi, tradizioni e paesaggi così lontani!

E tanto l’ha desiderato che, nel 1983 (un anno a me familiare!), raggiunge la sorella a Milano e da lì a casa non tornerà più. Altre due rimangono in Italia, mentre i quattro fratelli maschi non lasciano la madre terra.

Si sposta in varie città su tutto il territorio italiano come Roma, Napoli, Venezia appunto, per poi arrivare e stanziarsi nelle mie zone, a Luino, per amore.

“Per amore certo”, le rispondo! Lei mi guarda e mi dice “Non di un uomo però”!

Non avete idea di quanto abbia apprezzato le sue parole perché da esse traspiravano la gioia e il piacere sincero di stare in Italia, il fatto di avere scelto il lago che le ricorda il suo mare, “Una passione viscerale fin da bambina” mi ripete.

La conversazione continua osannando le tradizioni culinarie italiane così variegate rispetto ai piatti unici brasiliani che nascono dall’incontro di coloni e colonizzatori: mi nomina la “feijoada”, piatto tipico degli schiavi africani prodotto con gli avanzi di carne dei padroni e i fagioli.

E così, attraverso il cibo, conosco un po’ di storia del Brasile, divenuto colonia portoghese intorno al 1500. Mentre parliamo, il suo sguardo, il tono della voce, gli occhi diventano riflessivi, afferma che attualmente la sua terra si trova in una situazione difficile: non sono aggiornata sulla politica estera, ma dal suo atteggiamento trapela una lieve e sincera preoccupazione.

Ma ridendo, dopo averle chiesto l’amicizia su Facebook, mi dice di non far caso a quanti post di politica pubblicherà! E’ un modo per  essere vicina e sostenere il suo paese.

Amo le persone che sanno ridere anche di questo.

E’ stato un incontro di pochi minuti ma ricco di emozioni.

E ora penso…Chissà dove mi porterà la prossima promozione?

Autore: Serena

Amo ascoltare le storie delle persone e tradurre in parole le emozioni che nascono.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.